Visualizzazione post con etichetta Bloy Lèon. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Bloy Lèon. Mostra tutti i post

giovedì 12 settembre 2013

Alle porte della vita - Rabindranath Tagore

Mi è sconosciuto il momento 
in cui arrivai 
alle porte della vita 
nella grande casa 
di questo mondo strano. 
Neppure conosco quale forza 
mi abbia fatto fiorire nel seno 
di questo mistero immenso, 
a mezzanotte, 
come un bocciolo nella vasta foresta. 

Tuttavia quando all'aurora, 
alzata la testa 
aperti gli occhi 
vidi il mondo 
coperto d'azzurro 
vestito di raggi d'oro, 
vidi la terra 
coperta di gioia e dolore, 
allora in un attimo 
lo sconosciuto mistero infinito 
mi è apparso 
come il seno di una madre, 
tanto conosciuto, tutto mio. 

La paurosa forza 
informe, incomprensibile, 
si è rivelata 
immagine della madre.

 
Rabindranath Tagore


“Gesù sta al centro di tutto, assume tutto 
e si fa carico di tutto, 
tutto soffre.
E’ impossibile colpire 
un qualunque essere 
senza colpire Lui, 
è impossibile umiliare qualcuno o annientarlo, 
senza umiliare Lui, 
maledire o assassinare 
uno qualsiasi, 
senza maledire o uccidere Lui"

- Léon Bloy -



«I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno avanti la storia, gli anziani perché trasmettono l'esperienza e la saggezza della loro vita» (n. 447). 
Questo rapporto, questo dialogo tra le generazioni è un tesoro da conservare e alimentare!


Papa Francesco: Angelus/L'ora di Maria Venerdì, 26 luglio 2013






Concedi ch’io possa sedere
per un momento al tuo fianco.
Le opere cui sto attendendo
potrò finirle più tardi.
Lontano dalla vista del tuo volto
non conosco né tregua né riposo
e il mio lavoro
diventa una pena senza fine
in un mare sconfinato di dolori.
Oggi l’estate è venuta
alla mia finestra
con i suoi sussurri e sospiri,
le api fanno i menestrelli
alla corte del boschetto in fiore.
Ora è tempo di sedere tranquilli
a faccia a faccia con te
e di cantare la consacrazione
della mia vita
in questa calma straripante e silenziosa. 

Rabindranath Tagore



Donami il supremo conforto dell’amore

O Divino, donami il supremo conforto dell'amore
questa è la mia preghiera.
Il conforto che mi permetterà di parlare e agire,
secondo la tua volontà
e di abbandonare ogni cosa
per non essere abbandonato da me stesso.
Fortificami nei pericoli
e aiutami a percorrere i cammini difficili del sacrificio quotidiano.
Donami la suprema confidenza dell'Amore, questa è la mia preghiera.
La confidenza nella vita che cambia la debolezza in forza,
la sconfitta in vittoria.
Innalzami, perché la mia dignità,
accettando l'offesa, disdegni di renderla.

Rabindranath Tagore (induista)