Visualizzazione post con etichetta buonsenso. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta buonsenso. Mostra tutti i post

giovedì 3 settembre 2015

Finché tu esisti - Ángel González

“Finché tu esisti,
finché il mio sguardo
ti cerca al di là delle colline,
finché niente
mi riempie il cuore,
se non è la tua immagine, e c’è
una remota possibilità che tu sia viva
da qualche parte, illuminata
da una luce – qualunque…
Finché
io ho il senso che sei e che ti chiami
così, con quel nome tuo
così piccolo,
continuerò come adesso, amata
mia,
affranto di distanza,
sotto l’amor che cresce e che non muore,
questo amor che continua e non finisce.”

- Ángel González - 

Da: “Poesia spagnola del secondo novecento”




Così,
rimango in te,
passeggio a lungo per le tue braccia e le tue gambe,
salgo fino alla tua bocca, mi affaccio
all’orlo dei tuoi occhi,
ti giro intorno al collo,
ti scendo lungo la schiena,
cambio rotta per percorrere i tuoi fianchi,
ricomincio da capo,
riposo sul tuo costato,
guardo le nuvole che ti passano sulle labbra rosse,
saluto gli uccelli che ti attraversano la fronte,
e se chiudi gli occhi anch’io li chiudo
e dormo alla tua ombra come se fosse estate
per sempre,
amore,
pensando vagamente
al mondo inquietante
che si stende – impossibile – dietro il tuo sorriso.



- Ángel González - 
Fonte: da  "Parola su parola"





Sono uno degli uomini più sani che conosca.
Ho sofferto spesso di infarto del miocardio,
di differenti infezioni, bombardamenti,
tisi, dipsomania, insonnia, depressione…
Continuo a soffrire molto di tosse.
E malgrado tutto
sono riuscito a sopravvivere, fino ad oggi,
settimane dopo settimane, ormai remote, 

lunghi anni bisestili, 
lustri tediosi, 
decadi interminabili… 
Ho festeggiato le mie nozze d’oro con la vita 
e, ciò nonostante, l’amo ancora qualche notte. 
Non è straordinario? 
Sembra che la storia delle nostre relazioni 
non sia destinata a finire. 
– Qual è il segreto del tuo amore per la vita? -
mi domanderanno i discendenti dei figli dei miei figli 
il giorno in cui compirò molti, molti più anni. 
Ed io risponderò: 
– Per come la vedo io, si deve al fatto 
che la vita è stata piuttosto incostante; 
mi ha ingannato spesso, 
è stata sul punto di abbandonarmi diverse volte, 
(una di queste a causa di un falangista), 
non esaudisce i miei desideri, 
ogni lunedì e ogni martedì 
mi defrauda del sabato 
(del suo disordine meglio non parlarne). 
Se si fosse comportata diversamente, 
chissà  che razza di passato mi attenderebbe adesso. 
Non voglio neanche pensarci. 
Mi avrebbero già ucciso i rimorsi, 
senza poter incolpare nessuno.

- Ángel González - 
da: "Prosemi o meno"





Bisogna essere molto coraggiosi per vivere con paura.
Contrariamente a quanto si crede,
la paura non riguarda sempre i codardi.
Per vivere morto di paura,
bisogna avere, in effetti, molto coraggio.

- Ángel Gonzàlez -







Buona giornata a tutti. :-)


lunedì 6 ottobre 2014

Identikit - Giorgio Faletti

Forse sarò così 
un vecchio solo in qualche ristorante 
io che ne ho amate poche 
ma conosciute tante 
e ancora adesso la memoria si spezza 
e si ferma anche il cuore 
pensando che fantastico profumo 
è una pelle con un buon odore 
forse sarò così
ma non lo posso sapere
forse sarò così.
Forse sarò così
o non avrò nemmeno il tempo di invecchiare 
per poi non ricordarmi neanche più 
che cosa andavo a cercare 
che forse era qualcosa di bello 
ch'è andato via in un'ora 
ed è strano proprio strano dirlo adesso 
mentre lo cerco ancora 
forse sarò così
ma non lo posso sapere
forse sarò così.

Lo guardo in faccia questo tempo 
che si muove svelto fuori e lento dentro di me 
che per quanti danni ha fatto 
non ha spento il mio sorriso 
e non ha scelto da sé 
lo guardo in faccia e mi domando 
se ogni tanto quando piango sia una finta la mia 
così curioso di sapere 
ogni dettaglio della storia
bella o brutta che sia 
e se mi ha messo le mani addosso 
lo ha fatto senza dolore 
io ti perdono e non ti abbandono 
povero stupido giovane vecchio uomo
e quando non starò più qui 
a stropicciare questi panni 
io sarò andato via così che ancora avevo diciassette anni.

Forse sarò così
seduto a riposare su un gradino delle scale 
pensando come sempre dentro me 
che c'era il trucco e non vale 
e in quale buffa capriola saprò 
se è stato un viaggio o una gita
ma fino a quel momento ci sarò perché ci sarà vita 
forse sarò così
ma non lo posso sapere
forse sarò così
e allora stiamo a vedere.

- Identikit –



Fai attenzione alla tua ombra.
Ogni uomo ha un fratello che è la sua copia esatta.
È muto e cieco e sordo ma dice e vede e sente tutto, proprio come lui.
Arriva nel giorno e scompare la notte, quando il buio lo risucchia sottoterra, nella sua vera casa. Ma basta accendere un fuoco e lui è di nuovo lì, a danzare alla luce delle fiamme, docile ai comandi e senza la possibilità di ribellarsi.
Sta disteso per terra perché glielo ordina la luna, sta in piedi su una parete quando il sole glielo concede, sta attaccato ai suoi piedi perché non può andarsene.
Mai. Quest’uomo è la tua ombra.
È con te da quando sei nato.


Quando perderai la tua vita, la perderà con te, senza averla vissuta mai. 
Cerca di essere te stesso e non la tua ombra o te ne andrai senza sapere che cos’è la vita.

- Giorgio Faletti -

da “Fuori da un evidente destino”





Non sono uno sciocco da pensare che tutto potrà essere come prima, né di cercare di farlo credere a te. Ma se mi concedi una considerazione per niente originale, affidati al tempo e alle persone che ti vogliono bene. 
Non serve a cambiare le cose, ma aiuta a sopportarle. Se ti servo, sai che io sono qui.

- Giorgio Faletti - 
”Niente di vero tranne gli occhi” 




Non mi serve qualcuno che cerchi di parlare con me. Mi serve qualcuno che mi ascolti.

- Giorgio Faletti -




Nella vita ci sono cose che ti cerchi e altre che ti vengono a cercare. Non le hai scelte e nemmeno le vorresti, ma arrivano e dopo non sei più uguale. A quel punto le soluzioni sono due: o scappi cercando di lasciartele alle spalle o ti fermi e le affronti. Qualsiasi soluzione tu scelga ti cambia, e tu hai solo la possibilità di scegliere se in bene o in male.

Giorgio Faletti
Da Io uccido
(Addio signor tenente….)




Alla lunga ci si stanca di dover continuar a dare e ripetere spiegazioni...


Buona giornata a tutti :-)





giovedì 24 luglio 2014

L'Amicizia - Tahar Ben Jelloun

L’amicizia è una religione senza Dio né Giudizio finale.
E non c’è neppure il diavolo.
Una religione che non è estranea all’amore.
Ma un amore dove la guerra e l’odio sono proscritti, dove il silenzio è possibile.
Potrebbe essere lo stato ideale dell’esistenza.
Uno stato tranquillo. Un legame necessario e raro.
Non sopporta impurità alcune.
L’altro, di fronte, la persona che si ama, non è solamente uno specchio che riflette, è anche l’altro se stesso sognato.
L’amicizia perfetta dovrebbe essere una sorta di solitudine felice, spurgata dai sentimenti d’angoscia, di rifiuto e di isolamento.
Non si tratta di una semplice storia di sdoppiamento nella quale l’immagine di sé sarebbe passata attraverso un filtro, un esame che dovrebbe ingrandire i difetti e le carenze e ridurre le qualità.
Lo sguardo dell’amico dovrebbe riconsegnarci la nostra immagine considerata in modo esigente.
L’amicizia allora consisterebbe in questa reciprocità senza sfasature, guidata dallo stesso principio di amore: il rispetto che ciascuno deve a se stesso se vuole che gli altri glielo ricambino, naturalmente.


- Tahar Ben Jelloun -





Amicizia

Sorveglia le tue amicizie,
perché vivano fino a sera.
E' questa l'ora in cui le saprai
meglio gustare.

Ti accorgerai che l'amicizia
è una delle maggiori gioie
concesse agli uomini.

E comprenderai che il miglior modo
per trovarla, è offrirla,
perché fiorisce quasi sempre
là dove l'hai seminata.




«Se hai criticato un amico a tu per tu, non temere perché potete riconciliarvi; invece se l’hai insultato con arroganza, se hai tradito le sue confidenze o l’hai attaccato a tradimento, qualsiasi amico se ne andrà» 

(Siracide 22,21-22)



«L’amico ama in ogni circostanza; è nato per essere un fratello nella avversità». 

(Proverbi 17,17)


«Io non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo signore; ma vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio.» 

(Gv 15,15)
























Non rimpiango le persone che ho perso col tempo, ma rimpiango il tempo che ho perso con certe persone, perchè le persone non mi appartenevano, gli anni si.

- Carl Gustav Jung - 



Buona giornata a tutti :-)

venerdì 14 dicembre 2012

Ultime notizie

Oggi piangiamo la scomparsa di un caro, vecchio amico, il Buon Senso, che fu con noi per molti anni. Nessuno sa con precisione che età avesse, perché i suoi dati anagrafici vennero persi molto tempo fa in disguidi burocratici.


Il Buon Senso viveva secondo principi semplici e finanziariamente solidi (non spendere più di quanto guadagni) nonché ragionevoli strategie (gli adulti, non i bambini, siano al comando).

La sua salute cominciò a deteriorare rapidamente quando delle regole ben intenzionate ma eccessive presero il sopravvento.

Il Buon Senso perse terreno quando dei genitori attaccarono gli insegnanti per aver fatto il lavoro che loro stessi non erano riusciti a fare nel disciplinare i loro figli riottosi. Peggiorò ulteriormente quando alle scuole venne richiesto di procurarsi l’assenso dei genitori per amministrare una lozione solare o un’aspirina a uno studente; ma venne impedito loro di informare i genitori quando una studentessa restava incinta e desiderava abortire.

Il Buon Senso perse la voglia di vivere quando le chiese divennero delle organizzazioni affaristiche; e i criminali vennero trattati meglio delle loro vittime. Il Buon Senso subì un grave colpo quando non potevi più difenderti dai ladri nella tua stessa casa e il ladro poteva farti causa per essere stato assalito. Il Buon Senso perse la volontà di vivere dopo che una donna non riuscì a capire che una tazza fumante di caffè era anche calda. Se ne rovesciò un po’ in grembo, e le venne subito dato un forte risarcimento.
 
Il Buon Senso è stato preceduto nella morte dai suoi genitori, Verità e Fiducia, da sua moglie, Discrezione, da sua figlia, Responsabilità, e da suo figlio, Ragione.

Sopravvivono i suoi quattro fratellastri:
 
- Conosco i Miei Diritti
- Voglio Tutto Subito
- E’ colpa di Qualcun Altro
- Sono Una Vittima

Non molti erano presenti al suo funerale perché pochi hanno realizzato la sua scomparsa.


(cronista anonimo)










La moltitudine di uomini non è una massa amorfa, ma si costituisce, per naturale bisogno, in una società il cui criterio deve e non può non essere il bene comune: questo è una norma fondamentale del retto governare. Afferma Tommaso d'Aquino: «Quando si tratta di una società di uomini liberi, se colui che la governa la ordina al bene comune di tutti, avremo un governo retto e giusto, qual si addice a uomini liberi; al contrario se il governo è ordinato non al bene della società, ma agli interessi privati di colui che le comanda, si attuerà un regime ingiusto e corrotto.» (De regimine principum)

 
O Signore, mettimi in bocca parole sagge, e dammi gomitate quando ho parlato troppo.
- Pat Buttran -
 

Per esercitare la nostra umiltà e pazienza Dio si serve di persone che ci fanno male.
Un giorno vedremo quanto ci sono utili coloro che ci crocifiggono.
 
- Jacques Bènigne Bossuet -
 
Painting by Patricia Van Lubeck


Ti auguro di vivere senza lasciarti comprare dal denaro.
Ti auguro di vivere senza marca, senza etichetta, senza distinzione.
senza altro nome che quello di uomo.
Ti auguro di vivere senza rendere nessuno tua vittima.
Ti auguro di vivere senza sospettare o condannare nemmeno a fior di labbra.
Ti auguro di vivere in un mondo dove ognuno abbia il diritto di diventare tuo fratello e farsi tuo prossimo !!
- Jean Debruynne -